Valutazione del rischio cancerogeno

Home Valutazione del rischio cancerogeno

Per i lavoratori esposti ad agenti chimici cancerogeni il rischio di contrarre malattie degenerative quali alcuni tipi di neoplasie è argomento davvero serio al quale occorre avvicinarsi con il giusto approccio.

Il datore di lavoro è tenuto a effettuare una valutazione del rischio che tenga conto di tutti i possibili modi in cui il lavoratore può essere esposto ad agenti cancerogeni e mutageni, compreso quello per assorbimento cutaneo (art. 236 DLgs 81/08).

Consulenza valutazione rischi

Offriamo una consulenza completa e professionale per la valutazione dei rischi in azienda. Compila il form o chiama il numero verde per informazioni e preventivi gratuiti.

Nome (obbligatorio)

Telefono

E-mail (obbligatorio)

Messaggio

Leggi e accetta Termini e condizioni d'uso

Modalità di valutazione del rischio cancerogeno

I parametri per la valutazione del rischio cancerogeno sono:

  • caratteristiche, durata e frequenza delle lavorazioni
  • quantità di agenti cancerogeni o mutageni utilizzati e loro concentrazione
  • capacità dell’agente di penetrare nell’organismo per le diverse vie di assorbimento.

La valutazione del rischio da agenti cancerogeni o mutageni può essere effettuata:

  • grazie a stime qualitative che utilizzano modelli che tengono conto delle diverse variabili in gioco
  • attraverso misurazioni reali (per ogni lavoratore o su un campione) dell’agente cancerogeno o mutageno.

Il datore di lavoro, come per ogni rischio presente nei luoghi di lavoro, è tenuto a ridurne l’incidenza trovando sostanze alternative e a quelle cancerogene o mutagene, se ciò non è possibile riducendone l’esposizione, rimanendo al di sotto dei valori limite indicati nell’Allegato XLIII.

L’art. 244 del D.lgs. 81/08 pone i cardini normativi per l’istituzione di un Registro Nazionale dei tumori di origine professionale. In particolare il comma 3 specifica che presso l’Ispesl “è costituito il registro nazionale dei casi di neoplasia di sospetta origine professionale, con sezioni rispettivamente dedicate”ai casi di mesotelioma, di neoplasie delle cavità nasali e dei seni paranasali e di altre neoplasie. Tale registro viene tenuto e aggiornato grazie al monitoraggio effettuato dai Centri Operativi Regionali dell’ISPESL , deputati appunto all’osservazione e al continuo controllo dei casi di tumore lavoro-correlato.

Approfondimento

Per leggere e scaricare un approfondimento in PDF sulla valutazione del rischio cancerogeno clicca qui